GAY COUNSELING®
PER HIV
+
 
 

   

COLLOQUI GRATUITI DI ORIENTAMENTO
maurizio (at) aiutogay.it
max discrezion
e

       Il Counseling consiste nell'aiutare le persone verso il superamento degli ostacoli alla loro crescita personale, ovunque questi possano incontrarsi. Lo scopo del counseling e’ di agevolare la crescita, l'accettazione emotiva e lo sviluppo ottimale delle risorse personali. Esso consente di affrontare problemi specifici, prendere decisioni. Migliorare le crisi, migliorare i rapporti con gli altri accrescere la conoscenza e la consapevolezza di sé e delle proprie emozioni, elaborare i conflitti, ecc. Il fine ultimo, è quello di dare agli utenti la possibilità d’auto-dirigersi per condurre una vita più soddisfacente e ricca di risorse sia come individui sia come membri della comunità.

 In ambito di persone con HIV vi sono alcuni scopi che il counseling si propone di raggiungere, ne menzioneremo qui di seguito alcuni fra i più importanti:

1. Sostenere le persone più vulnerabili ad affrontare lo stress legato alla diagnosi di sieropositività e, per prevenire lo sviluppo di problematiche gravi. A questo proposito il nostro compito sarà di aiutare le persone a superare la crisi, ad esempio stimolandola a fronteggiare in modo attivo tal evento stressante, scoraggiando la tendenza ad attribuire ad altre persone e/o situazioni estreme emozioni che riguardano il proprio Sé, potenziando le capacità del cliente a cercare il supporto nella propria rete sociale, ecc. 2. Aiutare le persone a superare la depressione e l'isolamento potenziando i fattori che promuovono il benessere psicologico, come ad esempio la presenza di un partner stabile, di una famiglia su cui poter contare di relazioni interpersonali cui fa riferimento nei momenti di maggiore sconforto.
Tale obiettivo potrà essere raggiunto attraverso l'Addestramento all'Interazione Sociale (Social Skills Training = SST) e i gruppi di discussione per persone HIV+ sieropositive (condotti con l'aiuto di un agevolatore).


     Lo scopo dello SST è di potenziare alcune capacità che sono essenziali nel rapporto con l'altro, come ad ex. la capacità di osservare, di ascoltare, di comunicare, di esprimere le proprie emozioni e valori, di gestire i conflitti, e così via.
3. Tra le finalità dei gruppi di discussione ricordiamo
a) stimolare il cliente a gestire in modo attivo la propria realtà
b) l'apprendimento reciproco di strategie per far fronte ai problemi medici, psicologici. relazionali, sociali ed economici legati alla sieropositività; c) ricevere supporto e cura incondizionata dagli altri partecipanti
d) aumento dell'autostima che deriva dall'aiuto dato agli altri componenti del gruppo;
e) diminuzione della solitudine, ecc.
4. Sostenere il cliente a trovare e/o mantenere un lavoro stabile che non lo impegni oltre il limite consentito dalla propria salute. Il lavoro, oltre ad essere fonte d’indipendenza economica, può essere un mezzo per strutturare la giornata e frequentare altre persone..
5.
Creare con l'aiuto del cliente un contesto emotivo/interpersonale per di aiutarlo ad affrontare i cambiamenti fisici, emotivi relazionali e/o economici legati al peggioramento delle proprie condizioni di salute. Questi cambiamenti sono vissuti dal cliente come perdite che possono di scatenare reazioni emotive/comportamentali spesso destrutturanti. Nelle fasi iniziali il counseling sarà centrato sulla perdita dello stato di salute e della piena partecipazione alla vita di tutti i giorni. Col progredire dell'infezione il focus del counseling si sposterà sulla perdita della funzionalità neuromotoria, di quella sessuale, del controllo delle funzioni fisiche e mentali, che possono condurre alla riduzione propria autonomia fisica, emotiva e finanziaria. Una parte essenziale del lavoro sarà centrata sulla perdita della speranza ("hopelessness") e sulla perdita d’aiuto (helpessness), sulle quali s’innescano tutte le altre tematiche.
6. Aiutare il cliente ad affrontare la paura e i fantasmi legati al tema della morte.
7. Organizzare e sistemare le questioni finanziarie come, ad esempio, la stesura del testamento e la valutazione di possibili risorse economiche cui il cliente potrà accedere quando le sue condizioni fisiche peggioreranno.
Questi ed altri obiettivi saranno perseguiti nel completo rispetto della volontà e della dignità della persona HIV sieropositiva.

_______________________________________________ www.aiutogay.it

GAY COUNSELING 2001 WWW.AIUTOGAY.IT